Savona e Albisola costituiscono insieme uno dei più antichi e importanti centri produttivi della ceramica del Mediterraneo e, ancora oggi, la ceramica costituisce l’espressione artistica che meglio rappresenta e identifica la storia, l’arte e l’economia del territorio. Questa eccellenza artistica, che ha reso possibili importanti collaborazioni tra pittori e scultori, locali e internazionali, è stata valorizzata grazie alla collaborazione tra la Fondazione A. De Mari e il Comune di Savona. Dall’unione delle competenze professionali e delle risorse economiche è nato il progetto di costituire il Museo della Ceramica nel più ampio circuito dei Civici Musei di Savona (MUSA), con l’obiettivo di creare e amplificare il polo museale cittadino e le sue straordinarie collezioni, invidiabili a livello internazionale. La collezione del museo comprende le raccolte della Pinacoteca Civica, l'antica vaseria dell'Ospedale San Paolo, la donazione del Principe Boncompagni Ludovisi, oltre agli acquisti effettuati dalla Fondazione A. De Mari di Savona che comprendono il corredo della farmacia Cavanna e la collezione Bixio. Sono inoltre esposte le opere di artisti che hanno partecipato alle edizioni passate della Biennale della Ceramica nell’Arte Contemporanea, tra cui Bertozzi e Casoni, Michelangelo Pistoletto, Adrian Paci, Yona Friedman, Alberto Garutti, Ugo La Pietra, Alessandro Mendini, Andrea Branzi, Pekka Harni e Franco Raggi. Le opere esposte nel nuovo museo sono circa un migliaio, selezionate dalle curatrici Cecilia Chilosi ed Eliana Mattiauda, e il punto di forza del progetto è il fatto che, grazie agli importanti lavori di restauro nell'edificio quattrocentesco del Monte di Pietà che lo accoglie, il nuovo museo è collegato al grande complesso museale di Palazzo Gavotti attraverso un unico percorso espositivo, costituito dalla Pinacoteca Civica (con i dipinti antichi, tra cui la Crocifissione di Donato de' Bardi) e dalla collezione della Fondazione Museo di Arte Contemporanea Milena Milani in Memoria di Carlo Cardazzo (con le opere tra gli altri di Picasso, Fontana, De Chirico, Magritte e Mirò). Il percorso si articola su quattro piani, si passa dalle piastrelle (“laggioni”) quattro-cinquecentesche, alle maioliche ispirate alle porcellane orientali, alla più nota tradizione barocca, all’affermarsi del decoro settecentesco, all’evoluzione tecnologica dell’Ottocento, fino ad arrivare alla rivoluzione artistica del Novecento e al design contemporaneo.

Maria Adelaide Marchesoni

Foto (dall'alto verso il basso) La farmacia dell'antico Ospedale San Paolo di Savona, 1666, foto di Fulvio Rosso, Opere di arte contemporanea e design, XXI secolo, foto di Fulvio Rosso

Informazioni Museo della Ceramica MUSA – Museo d’Arte di Palazzo Gavotti

Ingresso e biglietteria Palazzo Gavotti, p.zza Chabrol, nn.1-2, Savona (anche con accesso disabili) E-mail: musei@comune.savona.it Sito web: www.museodellaceramica.savona.it Biglietteria: 019 8310256 Uffici Servizio Musei: 019 8310339 / 8310686

Orari: lunedì, martedì, mercoledì 10.00-13.30 giovedì, venerdì, sabato 10.00-13.30 e 15.30-18.30 domenica 10.00-13.30

Dalle ore 8.30 alle ore 10 (dal lunedì al venerdì) il museo è aperto a richiesta per gruppi e scolaresche. In occasione di mostre ed eventi gli orari potranno variare.

Biglietti intero: euro 6.00 / ridotto (gruppi, convenzioni): euro 3.00 biglietto con visita guidata (per gruppi su prenotazione): euro 8.00 Ingresso gratuito fino a 18 anni e oltre i 65 anni, studenti universitari, portatori di handicap. Servizi Visite guidate, aperture a richiesta su prenotazione, attività e laboratori didattici per le scuole e le famiglie, area multimediale, sala conferenze, sezione didattica, esposizioni temporanee, consultazione di biblioteca, archivio storico, archivio fotografico, bookshop.