La rassegna La ceramica prende forma allestita nel Palazzo Podestarile di Montelupo, nasce dalla volontà di celebrare i grandi interpreti della ceramica italiana del XX secolo, ripercorrendone le tappe attraverso l’esposizione dei manufatti, e riportare all’attenzione di un pubblico più vasto questa forma artistica, annoverata impropriamente tra le cosiddette arti minori.

Le opere presenti in mostra coprono un excursus sull’arte ceramica del Novecento, che va dagli anni Venti agli anni Novanta, passando in rassegna differenti scuole e stili, con sculture che restituiscono tecnica, soggetti e forma, secondo modalità e approcci sia d’avanguardia sia cari alla tradizione.

Tra vasi in ceramica policroma traboccanti di materia, sculture di piccoli animali in terra refrattaria graffita e colorata e opere che sprigionano energia dai tratti quasi barocchi, in questa mostra la ceramica prende - letteralmente - forma: le opere di Lucio Fontana, Fausto Melotti, Leoncillo Leonardi, Salvatore Fancello, Agenore Fabbri e Antonio Recalcati diverse per lavorazione, tecnica e significati riflettono i differenti temperamenti artistici propri dei vari autori e l’evoluzione della loro poetica. In esposizione trovano, infatti, spazio le espressioni indipendenti del bestiario di Fancello, le figure dolenti di Leoncillo, le forme geometriche e stilizzate di Melotti, lo spazialismo di Fontana, l’ardente Informale dei vasi di Fabbri e le ricerche più sperimentali di Recalcati.

Nel piano inferiore del palazzo, recuperato nel 2016 secondo una nuova e aggiornata veste espositiva e architettonica, due artisti contemporanei esporranno installazioni scultoree anch’esse in ceramica, secondo modalità assai distanti tra loro, si tratta di Bruno Ceccobelli (1952), protagonista fin dagli anni Ottanta sulla scena italiana e internazionale e Marco Ulivieri (1975), giovane e originale sperimentatore della ceramica.

La mostra La ceramica prende forma, nella tappa di Montelupo, a cura di Marco Tonelli e organizzata in collaborazione con la galleria Montrasio Arte, si inserisce nel più ampio progetto culturale “ceramica in cantiere 2016” nell’ambito di Toscanaincontemporanea2016, un’iniziativa della Fondazione Museo Montelupo Onlus, sostenuta da Regione Toscana in collaborazione con Il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato.

The exhibition La ceramica prende forma staged in Podestarile Palace of Montelupo, stems from the desire to celebrate the great interpreters of Italian ceramics of the twentieth century, tracing the stages through the display of artifacts, and bring to the attention of a wider audience this form artistic, improperly counted among the so-called minor arts.

The works on display cover a digression on the art of the twentieth century ceramics, ranging from the Twenties to the Nineties, reviewing different schools and styles, with sculptures that return technique, subject and form, method and approaches both experimental both dear to the tradition.

Among polychrome ceramic vases overflowing of matter, sculptures of small animals in fireclay graffiti and colorful, and works that give off energy from times almost baroque, in this exhibition ceramics take - literally - shape: the works of Lucio Fontana, Fausto Melotti, Leoncillo Leonardi, Salvatore Fancello, Agenor Fabbri and Antonio Recalcati different for machining, technical and meanings reflect the different artistic temperaments of its various authors and the evolution of their poetry. On display are, in fact, the space independent expressions of the bestiary of Fancello, the mourners Leoncillo, geometric and stylized forms of Melotti, spatialism of Fontana, the ardent Informal Fabbri vases and more experimental research Recalcati.

In the lower floor of the building, recovered in 2016 according to new and updated exhibition and architectural dresses, two contemporary artists will exhibit also ceramic sculptural installations, in a manner very far apart, it is Bruno Ceccobelli (1952), the protagonist since the Eighty years on the Italian and international scene and Marco Ulivieri (1975), young and original ceramics investigator.

The exhibition La ceramica prende forma, in the stage of Montelupo, curated by Marco Tonelli, and organized in collaboration with the Montrasio Art Gallery, is part of a wider cultural project "ceramica in cantiere 2016" as part of Toscanaincontemporanea2016, an initiative of the Montelupo Museum Foundation Onlus, supported by the Tuscany Region in collaboration with the Center for Contemporary Art Luigi Pecci of Prato.